FRANCIA, SVENTATO ATTENTATO ALLA BASE NAVALE DI TOLONE Le forze dell'ordine hanno arrestato un islamista intenzionato a compiere un attacco nella base situata sulla Costa Azzurra

415
tolone

Nuovo colpo assestato dalla polizia francese contro il terrorismo islamico. Le forze di sicurezza hanno arrestato nelle scorse ore un militante islamista intenzionato a compiere un attentato alla base navale di Tolone, località della Costa Azzurra. “Sono stati evitati dei morti grazie all’intervento dei servizi speciali”, ha dichiarato una fonte vicina al ministro degli Interni Bernard Cazeneuve, citata sul quotidiano d’oltralpe Le Figaro. La fonte insiste particolarmente sulla pericolosità del presunto jihadista, che avrebbe un “profilo particolarmente determinato e connessioni all’estero” . L’arrestato è un 25enne indicato solo come Hakim. Nativo della stessa Tolone, il giovane è stato preso dagli uomini della Direzione generale della sicurezza interna (Dgsi) lo scorso 29 ottobre mentre cercava di procurarsi armi per assassinare marinai della base navale.

Hakim era tenuto d’occhio dai servizi della Dgsi dal 2014, quando aveva cominciato a postare su Facebook messaggi sempre più radicali a sostegno dei combattenti dello Stato Islamico in Siria e in Iraq. “Si è radicalizzato molto in fretta”, ha raccontato una fonte ben informata a Le Figaro, spiegando che il giovane aveva progressivamente rotto con la famiglia e gli amici. Hakim, che non era riuscito a procurarsi un’arma da fuoco, ha ordinato dalla Cina via Internet un pugnale in stile commando e due passamontagna. Ma uno dei pacchetti si è rotto, attirando l’attenzione degli inquirenti. Hakim è stato allora arrestato a casa sua. Ha poi confessato che, non potendo andare a combattere in Siria perché il suo passaporto era stato confiscato, aveva deciso di uccidere alcuni marinai della base di Tolone. Gli inquirenti stanno ora cercando di capire chi fossero i suoi corrispondenti in Siria e se abbia complici in patria.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS