CORRUZIONE, MATTARELLA: “ESISTE OVUNQUE MA IN ITALIA LA COMBATTIAMO” Il presidente della Repubblica dall'Indonesia: "Nel nostro Paese viene scoperta e perquisita. E' un titolo di merito"

272

“La corruzione esiste purtroppo ovunque, perché il male esiste ovunque” ma nel nostro Paese “viene perseguita e scoperta, cosa che non sempre avviene nel mondo”. Parola di Sergio Mattarella che ha risposto così alle domande dei giornalisti in Indonesia. “Ho lanciato tante volte l’allarme – ha ricordato – ma ho anche tenuto a sottolineare che nel nostro Paese viene perseguita e scoperta, e questo è un altro titolo di credito. Il nostro Paese non fa finta di non vedere la corruzione ma cerca di scoprirla, sconfiggerla e perseguirla. Questo e’è un merito ulteriore che rafforza la nostra credibilità all’estero”.

Il capo dello Stato si è poi concentrato su un tema europeo: l’emergenza migranti. “Oggi, l’evoluzione del contesto regionale, in particolare nell’area del Mediterraneo, si riverbera sulla società italiana – ha sottolineato – rendendo essenziale una riflessione meditata e profonda sul rapporto tra identità nazionale e modelli di convivenza. I grandi flussi di profughi e migranti interpellano da vicino, infatti, l’Italia e l’intera Unione Europea”. In questo quadro, dunque, si impone “un necessario e sereno approfondimento, che tenga conto anche dei temi del dialogo tra fedi e culture diverse”.

Sui rapporti economici con l’Indonesia Mattarella ha parlato di “potenziale inespresso”. “Entrambi i Paesi possono trarre grandi benefici e sono lieto di osservare come giorno dopo giorno si assista ad un progressivo aumento degli scambi e degli investimenti, come le intese appena firmate tra le aziende dei due Paesi dimostrano in modo più che positivo. Occorre continuare sulla strada della cooperazione tra aree di integrazione regionale. Un quadro normativo comune è lo strumento per intensificare, come tutti auspichiamo, le relazioni. Unione Europea ed Asean, dunque, le protagoniste”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS