PAPA FRANCESCO AL LATERANO: “L’EPISCOPATO NON E’ UN ONORE MA UN SERVIZIO” La messa del Pontefice nella Cattedrale di Roma nel giorno della dedicazione della Basilica di San Giovanni

404

Nel giorno della dedicazione della Basilica Lateranense, Papa Francesco torna nella Cattedrale dell’Urbe per l’ordinazione episcopale di monsignor Angelo De Donatis, nuovo vescovo ausiliare di Roma. “A volte, ci vuole tanta pazienza. Si fa così il Regno di Dio!”. Papa Francesco lo sottolinea, esprimendo ‘a braccio’ questo suo sentimento e uscendo per un attimo dall’omelia che pronuncia dalla cattedra di San Giovanni. Al nuovo vescovo, il Papa, in un altro passaggio, chiede, in vista dell’imminente apertura del Giubileo straordinario, di “essere misericordioso”, ricordando che “la Chiesa e il mondo hanno bisogno di tanta misericordia!”. Un ultimo consiglio al nuovo ausiliare: “Le tue parole siano semplici, che tutti possano capire. Le tue omelie non siano lunghe: ricorda il tuo papà quando fu tanto felice di aver trovato vicino al suo paese un’altra parrocchia dove si celebrava la messa senza l’omelia. Le omelie siano semplici e comprensibili”.

Bergoglio si riferisce ad un episodio che aveva raccontato due anni fa lo stesso neo vescovo, in occasione degli Esercizi Spirituali della Curia Romana, che il Pontefice gli aveva chiesto di predicare nella Casa Divin Maestro di Ariccia. “Rimprovera sempre con dolcezza”, ha raccomandato il Pontefice al nuovo presule, al quale ha affidato “i presbiteri, i seminaristi, e soprattutto i poveri” della diocesi di Roma. “Insegna ai presbiteri e ai seminaristi la strada della misericordia con le parole ma soprattutto con il tuo atteggiamento. Tu hai quel carisma”.  L’episcopato è un “servizio, non un onore”, che si fa anche amando i bisognosi. Ricordando a “quale alta responsabilità ecclesiale viene promosso questo nostro fratello”, Francesco, concludendo il suo intervento, sottolinea l’interrotta successione di vescovi da Gesù ad oggi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS