DRAMMA NELLA LONDRA BENE: SI SUICIDA IL FIGLIO DEL RE DELL’ACCIAIO Angad Paul si è gettato dall'ottavo piano dal palazzo in cui viveva

410

E’ giallo nel Regno Unito per la morte di Angad Paul, il figlio 45enne di Lord Paul, magnate di origine indiana e patron della Caparo, uno dei gruppi industriali leader nella lavorazione dell’acciaio, ma attivo anche nel settore aerospaziale, delle automobili e in quello alberghiero.

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo è morto dopo un volo di otto piani dall’attico in cui viveva, al centro di Londra. Alla tragedia hanno assistito alcuni passanti che hanno subito allertato i soccorsi e le forze dell’ordine. La polizia londinese ha aperto un’indagine per capire cosa abbia spinto Angad a compiere un gesto estremo. Una delle ipotesi è che dietro la sua decisione di togliersi la vita ci sia la crisi che sta attraversando il settore delle acciaierie. Il colosso dell’industria aveva risentito infatti del crollo dei prezzi dell’acciaio e da alcune settimane era in amministrazione controllata, 450 lavoratori sono stati licenziati ed inoltre è stato previsto anche il taglio di altri 1.200 posti.

Scotland Yard ha fatto sapere di non avere dubbi sulla natura dell’incidente e di considerare il caso come “non sospetto”. “Profondamente rattristato di aver appreso del suicidio a Londra di Angad Paul: era un uomo giovane e brillante”, ha commentato su twitter Suhel Seth, un altro imprenditore indiano-britannico.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS