CONFLITTI E GMG, IL PRESIDENTE POLACCO IN UDIENZA DA FRANCESCO Crisi mondiali e Gmg, questi i temi dell'incontro svolto in Vaticano

436
  • English

Conflitto in Ucraina e Medio Oriente, questioni di solidarietà sociali e la visita del Papa il prossimo anno in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù. Sono stati questi gli argomenti che hanno interessato l’incontro tra Bergoglio e il presidente della Polonia, Andrzej Duda, ricevuto in udienza in Vaticano. Nel corso del colloquio, informa una nota della Sala Stampa, è stato messo in rilievo “il contributo positivo della Chiesa cattolica alla società polacca, anche in vista dell’imminente viaggio che il Francesco compirà a Cracovia il prossimo anno in occasione della Gmg”. Successivamente, ci si è soffermati su alcuni temi di interesse reciproco, come la “promozione della famiglia, il sostegno ai ceti sociali più bisognosi e l’accoglienza dei migranti”. Nelle battute finali dell’incontro, sono emerse “alcune tematiche che concernono la comunità internazionale, quali la pace e la sicurezza, il conflitto in Ucraina e la situazione nel Medio Oriente”.

Il colloquio privato nel Palazzo Apostolico è durato oltre venti minuti. Il Presidente polacco ha poi presentato a Francesco la consorte Agata, la figlia Kinga e il seguito di una decina di persone.  Al momento delle foto e dello scambio di doni, il Presidente ha offerto al Pontefice un quadro della Madonna Nera di Czestochowa: “Che questa Madonna protegga il Papa”, ha auspicato Duda. Bergoglio ha ricambiato con un medaglione della pace, spiegandone personalmente l’illustrazione all’ospite, accompagnato da una copia dell’enciclica Laudato si’ e della esortazione apostolica Evangelii gaudium. “Sono molto contento di averla conosciuta di persona e chiedo di pregare per me”, ha chiesto il Presidente al Papa prima di congedarsi. Al termine dell’udienza, Duda si è intrattenuto con il segretario di Stato, Pietro Parolin, accompagnato da Mons. Antoine Camilleri, sottosegretario per i Rapporti con gli Stati.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS