RENZI A RIAD: “BASTA CON CHI BLOCCA IL PAESE. LE COSE TORNERANNO A FUNZIONARE” Il presidente del Consiglio in visita in Arabia Saudita. "L'Italia vuole ripartire. Non è fatta solo da chi urla e insulta"

388
renzi riad

“L’Italia vuole ripartire. Non è fatta solo da chi sa urlare e insultare per la strada. Basta con chi vuole bloccare il Paese”. Sono state le parole del premier Matteo Renzi, in diretta su Sky Tg24 dall’Arabia Saudita. Lo ha detto il premier Matteo Renzi, in diretta su Sky Tg24, parlando con i giornalisti a Riyadh. Il Paese, secondo il presidente del Consiglio, è ripartito e ora è arrivato il momento di renderlo più solido nel mondo
“e lo scopo del governo è proprio quello di rimette l’Italia al suo posto”. Quello che realmente interessa agli italiani è che “le cose tornino a funzionare”. E che dall’estero si torni a investire nel Bel Paese. Motivo per il quale il premier è a Riad, in uno degli Stati più ricchi al mondo.

“Qui oggi ci rendiamo conto come la qualità italiana, a partire dall’ingegneria, sia considerata punto di riferimento fortissimo nel mondo. Compito del governo è aiutare le imprese a competere” ha detto Renzi a margine della rottura di un diaframma nel cantiere della metro della capitale saudita. “E’ molto importante migliorare le relazioni tra Italia e Arabia Saudita, in particolare sulle infrastrutture, anche sulle piccole e medie imprese e su oil e gas – ha affermato  – oggi viviamo un giorno importante: questa linea della metro di Riad è la più lunga delle 6 in costruzione in città: 42 km, come una maratona. Ed è realizzata da tecnologia italiana, imprese italiane. E’ molto significativo che l’Italia sia vista non solo come Paese dove andare a fare una vacanza ogni tanto ma in grado di offrire grandi opportunità”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS