FABBRICA CROLLATA IN PAKISTAN, SALE A 53 IL NUMERO DELLE VITTIME I soccorritori sono certi che ci siano ancora dei sopravvissuti sotto le macerie

402

È arrivato a quota 53 il numero delle vittime del crollo di giovedì scorso dell’edificio di quattro piani di Lahore – nel Pakistan orientale – che ospitava una fabbrica di sacchetti di plastica. Oltre 40 i feriti e almeno 75 le persone estratte vive dalle macerie. Lo ha riferito Geo tv. I soccorritori impegnati a rimuovere i frantumi della costruzione nell’area di Sundar Industrial Estate hanno continuato a lavorare anche durante la notte, convinti che ancora possano esservi dei sopravvissuti. Uno di essi, assicura l’emittente, avrebbe contattato la sua famiglia di recente grazie a un cellulare.

Secondo l’emittente Tv satellitare al Jazira, Muhammad Usman, un amministratore locale, ha spiegato che tra le persone bloccate ancora all’interno dell’edificio c’è anche il proprietario della fabbrica. La causa del crollo non è nota per il momento, ma la zona, come altre parti del Pakistan, è stata colpita giorni fa da un terremoto di magnitudo 7.5 che ha provocato dei possibili cedimenti strutturali. Secondo i media locali, il disastro è avvenuto mentre alcuni operai erano intenti a costruire il quarto piano dell’edificio. I crolli nel Paese asiatico non sono infrequenti a causa della bassa qualità delle materie prime usate nelle costruzioni e della mancanza di controlli efficaci degli abitati.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS