LA PIANISTA CHLOE MUN APRIRA’ IL “LINGOTTO GIOVANI” DI TORINO La musicista coreana si esibirà in Sala Cinquecento il 10 novembre, inaugurando la rassegna culturale piemontese

512
chloe mun

Martedì 10 novembre la pianista sudcoreana Chloe Mun, primo premio Busoni, suonerà in Sala Cinquecento, a Torino, per la stagione Lingotto Giovani. La Mun è nata in Corea del Sud nel 1995, nel 2014 ha vinto il primo premio all’unanimità al Concorso di Ginevra e lo scorso settembre ha sbancato il Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni di Bolzano, divenendo l’unica pianista dopo Martha Argerich ad aggiudicarsi entrambe le competizioni. Jörg Demus, presidente della giuria della 60° edizione del Concorso Busoni, ha detto di lei: “ho riscoperto in lei una naturalezza musicale che credevo scomparsa”.

Chloe Mun martedì 10 novembre inaugura Lingotto Giovani 2015-2016, rassegna torinese che per il terzo anno consecutivo fonda la propria programmazione reclutando i giovani vincitori decretati dalle giurie dei più prestigiosi concorsi internazionali. Nata da genitori disabili e costretta a vivere in condizioni economiche svantaggiate, inizia lo studio del pianoforte di propria iniziativa a soli 5 anni, esercitandosi sullo strumento della scuola e della chiesa, non possedendo un pianoforte nella propria casa. Abbandonato precocemente il percorso scolastico tradizionale si diploma da privatista con grande anticipo rispetto ai suoi coetanei e a 14 anni si aggiudica nella sua categoria il primo premio al concorso “Art Dream Competition” indetto dal Korean Business Council, che le permette così di accedere alla formazione musicale superiore con quello che è il suo attuale maestro, Daejin Kim, presso la Korean National University.

Il programma della serata del 10 novembre, che come di consueto si svolge nella Sala 500 del Lingotto, a Torino, è interamente dedicato a Fryderyk Chopin ed è costituito da tre monumenti della produzione del compositore polacco. In apertura lo Scherzo n. 4 in mi maggiore op. 54 e la Polonaise-Fantaisie in la bemolle maggiore op. 61, capolavori della tarda produzione dell’autore. Il programma si completa con la mirabile raccolta dei 24 Preludi op. 28, caso unico, dentro la straordinaria produzione pianistica di Chopin, per concentrazione, immediatezza, soluzioni armoniche spericolate, allontanamento da regole formali e da consuetudini.

Grazie a un accordo con l’università di Torino e il corso di laurea in Dams i concerti della rassegna saranno introdotti da una breve guida all’ascolto a cura dei migliori studenti dell’Ateneo: il primo concerto sarà introdotto da Danila Prestifilippo. La biglietteria è aperta nel giorno del concerto, 10 novembre 2015, in via Nizza 280 interno 41, dalle 14.30 alle 19, e un’ora prima del concerto, dalle 19.30 nel foyer della Sala Cinquecento.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS