SCANDALI IN VATICANO, MONS. GALANTINO: “VOGLIONO METTERE IL SILENZIATORE A BERGOGLIO” Il segretario generale della Cei: "Il Pontefice non è un incidente di percorso della Chiesa". Il Card. Bassetti: "La corruzione s'insinua ovunque"

465

Diversi vescovi stanno prendendo le difese del Papa dopo lo scoppio della seconda Vatileaks. “C’e’ la voglia di qualcuno di mettere il silenziatore alla parola bella e comprensibile del Papa – ha detto il segretario generale Cei, mons. Nunzio Galantino, a Skytg24 – “C’è qualcuno che vuole farci capire che il Papa è una sorta di ‘incidente di percorso’ della Chiesa. Ma non è cosi'”. Dalla parte del Pontefice anche il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia. “La corruzione è entrata, purtroppo, in parti della società civile e si è insinuata anche in alcune strutture della Chiesa – ha detto durante l’omelia odierna -. Noi siamo in comunione profonda con papa Francesco, che regge la Chiesa con la forza di Dio e sostenuto, nella sua missione di successore di Pietro, dallo Spirito Santo”.

Il porporato ha spiegato che dietro ogni categoria di ‘”potere”, o meglio di “responsabilita”, per l’insegnamento evangelico non può non esserci un atteggiamento di servizio e, se necessario, di immolazione. “Questo, in particolare, è il compito del vescovo, che, in ogni tempo, è chiamato a farsi carico del popolo a lui affidato. Tanto più il vescovo si conforma al Signore Gesù ‘buon pastore’, tanto più – ha concluso Bassetti – saprà guidare e custodire il suo gregge”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS