SALVINI NELLA “ROSSA” BOLOGNA: SCONTRI E FERITI IN CITTA’ Poliziotto ferito da una bomba carta. Nella notte incendiati i cavi della ferrovia

353

Giornata di scontri a Bologna in occasione della manifestazione della Lega. Durante il comizio Salvini, Berlusconi e Meloni, sul ponte di via Stalingrado, le forze dell’ordine hanno caricato sui manifestanti. I tafferugli sono iniziati quando uno dei cortei che protesta contro la manifestazione della Lega ha tentato di forzare il blocco di accesso alla città. Sul ponte ferroviario si erano ritrovati attivisti appartenenti a collettivi e centri sociali. Dopo la prima carica che ha respinto sul ponte il corteo, ne è seguita una seconda. Negli scontri è rimasto ferito un agente della Polizia a causa dello scoppio di una bomba carta.

Salvini dal palco attacca Alfano, definendolo addirittura “inutile e cretino”. Non si fa attendere la replica del Ministro dell’Interno: “Salvini è solo un incolto quaquaraquà”. “Con noi un personaggio inutile e incapace come Angelino Alfano non ci sarà mai – ha continuato il leader della Lega -. Occupati dei poliziotti, cretino che non sei altro, e lascia perdere la politica che non fa per te”. Il capo del Carroccio, prima di lasciare Bologna, ha poi rivolto un ringraziamento ai membri delle forze dell’ordine “feriti dai centri sociali che sgombereremo col sorriso uno per uno. Dopo i campi rom, i centri sociali”.

Un sabotaggio della linea ferroviaria era avvenuto la scorsa notte all’altezza della stazione Santa Viola di Bologna. Quattro diversi incendi sono stati appiccati longitudinalmente al fascio di binari, circa 15 in tutto, che comprende anche i binari della Tav. Il fatto è accaduto intorno alle 4. Chiaro il riferimento al comizio della Lega che insieme a Fi e FdI sarà oggi in piazza Maggiore. Sul cemento accanto ai binari è infatti comparsa la scritta “8-11 sabotare un mondo di razzisti e frontiere”. Immediato l’intervento della Polfer che è giunta sul posto subito dopo l’avvio dei roghi, tanto che due dei 4 fuochi sono stati spenti dalla Polizia Ferroviaria. Gli altri due, che avevano preso già più vigore, sono stati estinti dai Vigili del Fuoco.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS