USA, AD OTTOBRE 271 MILA NUOVI POSTI DI LAVORO E LA DISOCCUPAZIONE CALA AL 5% Secondo gli economisti un aumento delle payrolls sopra 150 mila unità dovrebbe bastare a convincere la fed a procedere con un rialzo dei tassi

348

Disoccupazione in calo negli Stati Uniti, dove il tasso è sceso fino al 5% rispetto al 5,1% del mese di settembre. Buone notizie anche per l’economia, che ha ha generato 271 mila nuovi posti di lavoro non agricoli. A riferirlo è il dipartimento del Lavoro, che ha spiegato come i nuovi impieghi sono nettamente superiori alle 185 mila unità previste dagli analisti.

Il balzo dei posti di lavoro è il maggiore dal dicembre del 2014, mentre gli analisti si attendevano un livello di disoccupazione stabile rispetto a settembre. Il tasso di ottobre, inoltre, è ai minimi dall’aprile del 2008. Il governo Usa ha anche rivisto al rialzo nuovi impieghi di settembre di 12 mila unità. Secondo molti economisti un aumento di payrolls sopra le 150 mila unità in ottobre e novembre dovrebbe essere sufficiente a convincere la presidente della Fed, Janet Yellen, a procedere a un rialzo dei tassi nel vertice del braccio monetario di dicembre.

Buone notizie anche sul fronte dei salari dei lavoratori statunitensi, cresciuti del 2,5% su anno, l’incremento maggiore dal luglio del 2009, che fa pensare a un’inflazione in avvicinamento verso il target del 2% annuo indicato dalla Banca centrale statunitense. Un ritocco al rialzo dei tassi non si verifica dal 2006. Dato negativo, invece, il livello della partecipazione della forza lavoro, ovvero della quota di americani che lavorano o sono in cerca di occupazione, caduto ai minimi in 38 anni, ovvero al 62,4%. L’aumento dell’occupazione di ottobre è stato molto robusto, nonostante l’andamento piatto della manifattura e i soli 4 mila posti aggiunti dal comparto minerario.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS