“ASSISI, LA DENSITA’ DEL SILENZIO”: APRE A PORDENONE LA MOSTRA IN BIANCO E NERO DI ELIO CIOL L'esposizione fotografica verrà allestita a Casa Zanussi che festeggia il suo 50esimo anniversario

382
elio ciol

Cinquanta stampe di grande formato dedicate ad Assisi, la città del cuore del noto e maestro italiano del bianco/nero Elio Ciol. Cinquanta foto che abbracciano un arco temporale di oltre cinquant’anni (dal 1957 al 2009). Cinquanta, esattamente come gli anni che il centro culturale di Pordenone Casa Zanussi festeggia quest’anno, appunto con la mostra dal titolo ‘Assisi. La densità del silenzio’ dedicata al fotografo friulano. L’allestimento, a cura di Giancarlo Pauletto, sarà inaugurato sabato prossimo, alle ore 18,30, alla Galleria Sagittaria del Centro Culturale Casa Zanussi e riunisce le immagini realizzate nel tempo dal fotografo nella ‘sua’ Assisi. Immagini che sono già state accolte nelle istituzioni museali di tutto il mondo dal Moma di New York al Victoria & Albert Museum di Londra, dal Giappone alla Russia.

Valore aggiunto della mostra sarà la splendida sala d’immagini dell’autore sui più suggestivi particolari degli affreschi di Giotto che decorano la chiesa superiore di San Francesco. Tanti i luoghi sacri d’Assisi che saranno quindi restituiti allo sguardo dei visitatori attraverso i suoi scatti: da San Damiano alla triplice Basilica con le preziose narrazioni di Cimabue e Giotto, ma anche le suggestioni legate alle case, alle strade e agli scorci della città. Un viaggio nel luogo magico e intimamente legato agli esordi del Centro, quando i pellegrinaggi verso la città di San Francesco accomunavano a fine anni sessanta i fondatori e i primi protagonisti del neo costituito centro di Pordenone. Ci sarà anche un ampio catalogo, a cura delle Edizioni Concordia 7, che documenterà il percorso, offrendo allo sguardo dei lettori una sequenza di immagini dedicate ad Assisi. La mostra resterà visitabile fino al 28 febbraio prossimo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS