CAMPIDOGLIO: VERTICE DI UN’ORA TRA RENZI E TRONCA Il premier ha incontrato il neo commissario a Palazzo Chigi. Nelle prossime ore l'ex prefetto vedrà i dirigenti dei municipi

367
renzi tronca

Archiviata la pratica Marino, nonostante la polemica a distanza, nominato il commissario straordinario Francesco Paolo Tronca, Matteo Renzi è pronto a occuparsi del dossier Roma, a poco più di un mese dall’inizio del Giubileo. Il premier ha incontrato a Palazzo Chigi l’ex prefetto di Milano. Un’ora di colloquio per fare il punto della situazione e mettere nero su bianco i principali problemi cui mettere mano da qui alle prossime elezioni amministrative. Il segretario del Pd vuole che la Capitale ricalchi il modello Expo, ritenuto un successo. Un rilancio dell’immagine di Roma consentirebbe a Renzi di far recuperare terreno al suo partito, che, in vista delle comunali, parte con un grave handicap. Tronca, in queste ore, sta conoscendo la città e domani avrà un vertice con i dirigenti dei municipi e si confronterà con loro sulle diverse urgenze amministrative. In seguito, con ogni probabilità, ci sara’ anche un incontro tra il commissario e i minisindaci per affrontare altre questioni concrete legate ai territori.

“L’emergenza più importante è la chiusura della questione del sociale perché se non viene approvata la variazione di bilancio che prevede 4,9 milioni di euro in più per i municipi, non potremo più provvedere all’assistenza ai disabili, a quella dei bambini disabili nelle scuole e alle rette per minori in casa famiglia. Poi abbiamo il problema dei fondi sull’edilizia scolastica del bando regionale, e infine la manutenzione e il decoro”, afferma Daniele Torquati, coordinatore dei minisindaci del Pd.

Diversi presidenti dei municipi avevano sottolineato l’esigenza di incontrare il neo commissario. E a qualcuno la convocazione prima dei direttori non è andata giù. “Tronca ha convocato solo i direttori dei municipi, ovvero figure tecniche – commenta il presidente dell’VIII municipio Andrea Catarci (Sel) – E’ un inizio poco convincente nei rapporti con le istituzioni democraticamente elette”.

Per Emiliano Sciascia, del IV municipio, “l’incontro è di prassi, poi dovrebbe seguire quello con noi. Io vorrei sottoporre ai commissario diverse questioni: dal prolungamento della metro B Rebibbia Casal Monastero che va affrontato, ai lavori sulla Tiburtina che vorremmo finissero entro fine anno, fino alla questione del Print di Pietralata. Infine c’è il nodo della sede del nostro municipio, vetusta e a rischio sicurezza per i lavoratori. Vorremmo capire se dobbiamo cambiare sede o la riqualificano”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS