MAR EGEO, TRE ADULTI E UN BIMBO DISPERSI IN UN NAUFRAGIO A LESBO L'imbarcazione trasportava oltre 40 migranti

371
grecia

Il Mediterraneo continua a inghiottire disperati in fuga dalla guerra e in cerca di una vita migliore in Europa. Oggi si conta un nuovo naufragio di un barcone di migranti nel mar Egeo, in Grecia: il bilancio dell’ennesimo dramma del mare è di tre adulti e un bambino che risultano irreperibili dopo che un’imbarcazione con più di 40 migranti a bordo è affondata ad est dell’isola di Lesbo. Lo hanno annunciato le autorità greche.

Secondo fonti della polizia greca, sono oltre 3.000 i profughi che quotidianamente attraversano il confine tra Grecia e Macedonia con l’intento di entrare in Ue e raggiungere i Paesi di destinazione, principalmente Germania e Gran Bretagna. Le autorità greche continuano ad accelerare il trasferimento dei profughi dalla piccola isola di Lesbo, dove sbarcano la maggior parte dei richiedenti asilo dalla vicina Turchia, verso Atene. I profughi raggiungono poi in autobus o in treno il confine settentrionale della Grecia con la Macedonia e da lì si dirigono verso i confini dei Paesi dell’ex Iugoslavia lungo la cosiddetta “rotta balcanica”: Croazia, Serbia e Slovenia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS