MATTARELLA OMAGGIA I MILITARI: “RICORDIAMO IL SACRIFICIO DI TANTI GIOVANI” Il capo dello Stato in occasione della festa delle Forze Armate: "Il Libro Bianco ha cambiato il ruolo della Difesa. Soldati impegnati per la pace e la sicurezza"

358
mattarella

“La Repubblica sa di poter fare affidamento sui suoi militari per la propria sicurezza e per sostenere la pace e la giustizia internazionale. Agli Ufficiali, Sottufficiali, graduati, militari di truppa e personale civile della Difesa esprimo l’ammirazione del Paese e il più sentito ringraziamento. Viva le Forze Armate, viva l’Italia!”. Lo ha scritto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel messaggio inviato in occasione della ricorrenza del 4 novembre, Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate.

“Ricorre quest’anno il centesimo anniversario dell’ingresso dell’Italia nella Prima Guerra Mondiale – ha spiegato il capo dello Stato – un conflitto che ha lacerato e devastato l’intera Europa.Il 4 novembre segna la data in cui finalmente si pose termine alla guerra che doveva coronare con Trento e Trieste il sogno risorgimentale dell’unità nazionale. Ricordiamo con rinnovata commozione il sacrificio di tanti giovani chiamati alle armi, le cui vite vennero spezzate nell’immane tragedia e le sofferenze delle popolazioni civili coinvolte negli eventi bellici”. In questo lungo percorso le Forze Armate italiane, al servizio del Paese – ha proseguito Mattarella – “hanno operato con abnegazione e valore per assicurare il mantenimento della sovranità nazionale e dell’integrità territoriale, del diritto internazionale”.

Ne è straordinaria dimostrazione “l’impegno che uomini e donne in uniforme profondono nell’assolvimento dei compiti loro assegnati sia nelle delicate operazioni di mantenimento della pace in teatri esteri, sia sul suolo patrio in concorso alle Forze di Polizia ed in soccorso alla popolazione colpita da calamità naturali”. Lo strumento militare nazionale è oggi oggetto di una profonda trasformazione, ha aggiunto, “i cui lineamenti sono stati tracciati nel Libro Bianco per la sicurezza e la difesa, per consentire alle Forze Armate di servire meglio il Paese, operando con efficacia ed efficienza in un contesto di rapidi e continui mutamenti che coinvolgono l’intero scenario internazionale. L’obiettivo è quello di conferire il massimo impulso allo sviluppo delle capacità operative e delle componenti umane e tecniche”.

Come da tradizione il presidente della Repubblica ha deposto una corona d’alloro al Milite Ignoto in onore di tutti i Caduti. Alla cerimonia all’Altare della Patria erano presenti il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, i presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso e il capo della Polizia, Alessandro Pansa. In rappresentanza delle istituzioni locali il prefetto di Roma, Franco Gabrielli, il commissario del Campidoglio, Francesco Paolo Tronca e il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS