ISIS, ARRESTATI A MADRID TRE MAROCCHINI: PROGETTAVANO UN ATTENTATO Sono 60 i detenuti nelle carceri spagnole per motivi legati al terrorismo

416

La Spagna è impegnata in una dura battaglia contro il terrorismo islamico. La polizia madrilena ha smantellato una cellula dell’Isis composta da tre sospetti di origine marocchina che, a detta degli inquirenti, erano pronti a compiere un attentato. Secondo quanto riferiscono fonti investigative, gli arresti sono avvenuti nell’insediamento di baracche conosciuto come “Canada Real” – una zona periferica della capitale soprannominata “il supermercato della droga” – e nel sobborgo di Vallecas, poco fuori la città spagnola. In queste ore la polizia sta perquisendo le abitazioni dei tre uomini.

Grazie a questo ultimo arresto, è salito già a sessanta il numero delle persone detenute nel Paese per motivi legati al terrorismo islamico. Altre 27 sono incarcerate in altre nazioni, quasi tutte in Marocco, per reclutamento di terroristi per l’Isis in Spagna, secondo quanto fa sapere il ministero dell’Interno. l’ultima grande retata in terra spagnola era avvenuta nel luglio scorso quando la polizia della Catalogna aveva smantellato una cellula di 11 jihadisti che reclutavano giovani da mandare in Siria e che progettavano un attacco dinamitardo in una sinagoga ebraica. All’epoca le forze di sicurezza locali avevano assicurato che il gruppo era monitorato da oltre un anno e che la popolazione non correva alcun pericolo. In Spagna l’allerta antiterrorismo resta comunque al livello “quattro”, solo un gradino al di sotto dell’allarme massimo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS