AL SORGERE DEL SOLE “DANZANO” I PIANETI Il mese di novembre sarà ricco di congiunzioni astrali e stelle cadenti

527

Non ci saranno solo le stelle o la Luna a salutare il sorgere del sole in questo mese di novembre, ma anche Venere, Marte e Giove, il tutto mentre cresce l’attesa per le stelle cadenti Leonidi, il cui picco è previsto per metà mese. Anche a novembre, dunque, il cielo darà spettacolo poco prima dell’alba. A rischiarare le notti saranno dapprima Urano e Nettuno, visibili con l’ausilio di un telescopio; a ridosso dell’alba lasceranno il posto a Giove, seguito a ruota da Venere e Marte. Questi ultimi due formeranno una coppia molto affiatata: il 3 novembre daranno vita ad una prima congiunzione nella costellazione della Vergine, per poi replicarla il 7 novembre accompagnati dalla Luna. Il nostro satellite sarà poi protagonista di una lunga serie di congiunzioni con l’ammasso stellare del Presepe, che incontrerà a inizio e fine mese, e poi ancora con Giove, Saturno e le Pleiadi.

Per tutti quelli che non si alzano all’alba, e preferisce fare tardi la sera, è immancabile l’appuntamento con le stelle cadenti Leonidi, i resti della cometa Tempel-Tuttle. Per quest’anno il picco è atteso nella serata del 17 novembre e l’osservazione sarà tutto sommato favorevole, visto che la Luna non disturberà. Dopo il 15 novembre è previsto anche l’arrivo di Catalina, la cometa di fine anno che farà la sua comparsa nei nostri cieli sfilando tra le stelle sud orientali della Vergine. Secondo le ultime stime, la sua luminosità dovrebbe sfiorare la sesta magnitudine, e potrebbe crescere leggermente nei prossimi mesi, quando si avvicinerà maggiormente alla Terra, ma difficilmente arriverà alla quinta magnitudine, risultando ormai lontana.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS