BOLOGNA, AL VIA “SOCIAL CHIC”, LA SARTORIA SOLIDALE PER LE IMMIGRATE L’attività dà lavoro alle donne accolte nelle strutture dell’associazione Mondo Donna

490

Ha aperto a Bologna “Social chic”, la sartoria solidale che dà lavoro alle donne immigrate accolte nelle strutture dell’associazione Mondo Donna. La onlus, fondata vent’anni fa da un gruppo di donne straniere e italiane impegnate nel settore dell’immigrazione, opera affinché tutte le persone, di qualsiasi sesso, provenienza, appartenenza e condizione sociale, abbiano pari dignità e pari diritti. La sartoria “Social chic” nasce con l’obiettivo di dare l’opportunità alle donne immigrate arrivate dall’Africa, dalla Romania, dal Bangladesh, dalla Cina… di uscire dalla povertà attraverso un percorso di autonomia, grazie alle proprie capacità pregresse di sartoria; nei loro paesi di provenienza, infatti, le ragazze cuciono sin da bambine.

Riparazioni tessili, orli, ricami, confezionamento di abiti su misura, stireria, ma anche regali natalizi confezionati a mano sono i servizi offerti dalle lavoratrici della sartoria solidale, iniziativa nata all’interno del progetto Case Zanardi del Comune di Bologna. “Lo spazio di creatività sartoriale si propone di creare, nel breve periodo, un aiuto economico per le donne che lavorano, dando loro la possibilità di rispondere alle esigenze quotidiane della propria famiglia – dice Chiara Stefanelli di MondoDonna – e nel lungo periodo, una vera e propria linea di abbigliamento dotata di marchio in modo da creare un percorso lavorativo continuato”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS