“FREE TO LEARN, FREE TO MOVE”, STUDENTI CHIAMATI A TUTELARE I PROPRI DIRITTI Parte la campagna in favore della libertà di movimento, del diritto allo studio e alla dignità esistenziale

268
eurostat

In occasione della giornata internazionale dello Studente (il 17 novembre) Obessu ed Esu, le due organizzazioni che rappresentano le associazioni studentesche a livello europeo, hanno lanciato la campagna europea “Free to learn, free to move” sui temi della libertà di movimento, del diritto allo studio e della dignità esistenziale. “In questo momento storico- dichiara Alberto Irone, portavoce nazionale Rete Studenti Medi- i flussi migratori verso e dentro l’Europa stanno subendo un forte incremento. Siamo pienamente consapevoli che le politiche di integrazione finora messe in campo non sono sufficienti a gestire l’attuale situazione. Riteniamo che il primo passo debba essere garantire il pieno diritto allo studio ai rifugiati e ai migranti, anche riconoscendo gli studi precedentemente compiuti. Per fare questo è necessario ritornare ad investire nell’istruzione pubblica: se ciò non verrà fatto il sistema attuale non riuscirà a sostenere l’attuale condizione e le disuguaglianze sociali cresceranno ulteriormente”.

Negli ultimi anni, aggiunge Jacopo Dionisio, coordinatore nazionale Unione degli Universitari, “il mondo dell’istruzione èstato lo specchio di quanto stava accadendo a tutto il mondo del welfare italiano: il taglio dei finanziamenti aveva l’obiettivo preciso di svuotare i luoghi di istruzione della capacità di essere ascensore sociale e strumento di inclusione. Questo trend si conferma anche nella nuova legge di stabilità, dove le misure previste per scuole ed università sono assolutamente insufficienti a garantire realmente il pieno accesso al diritto allo studio per tutti. Noi studenti non accettiamo questa realtà e vogliamo cambiarla, a partire dalla volontà di essere liberi di studiare, perché ciò rappresenta una risorsa per il futuro di tutta la società. Lo ripeteremo ancora una volta nelle nostre piazze e nelle nostre iniziative del 17 novembre, in tutta Italia”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS