L’ANNUNCIO DEL PONTEFICE: “APRIRÒ IL GIUBILEO NELLA TORMENTATA CENTRAFRICA” L’Angelus del Papa in piazza San Pietro nella solennità di Tutti i Santi

453

“I dolorosi episodi che in questi ultimi giorni hanno inasprito la delicata situazione della Repubblica Centrafricana, suscitano nel mio animo viva preoccupazione. Faccio appello alle parti coinvolte affinché si ponga fine a questo ciclo di violenze”. Così Papa Francesco durante l’Angelus in piazza San Pietro nella solennità di Ognissanti. Tutti noi, ha affermato, “portiamo il cognome di Dio” perché siamo figlio di Dio. I santi, ha considerato il Pontefice, “sono esempi da imitare. Non soltanto quelli canonizzati, ma i santi, per così dire, ‘della porta accanto’, che, con la grazia di Dio, si sono sforzati di praticare il Vangelo nell’ordinarietà della loro vita”. “Imitare i loro gesti d’amore e di misericordia – ha continuato – è un po’ come perpetuare la loro presenza in questo mondo”.

Secondo il Santo Padre “un atto di tenerezza, un aiuto generoso, un tempo passato ad ascoltare, una visita, una parola buona, un sorriso” possono sembrare gesti insignificanti, “ma agli occhi di Dio sono eterni, perché l’amore e la compassione sono più forti della morte”. Dopo l’Angelus Francesco ha lanciato l’appello per la pacificazione nella Repubblica Centrafricana. “Per manifestare la vicinanza orante di tutta la Chiesa a questa Nazione così afflitta e tormentata ed esortare tutti i centroafricani ad essere sempre più testimoni di misericordia e di riconciliazione – ha detto – domenica 29 novembre ho in animo di aprire la porta santa della cattedrale di Bangui, durante il Viaggio apostolico che spero di poter realizzare in quella Nazione”. Infine, unendosi spiritualmente a quanti in questi giorni vanno a pregare presso le tombe dei loro cari, ha ricordato che oggi pomeriggio, alle ore 16, si recherà al cimitero del Verano per la Messa in suffragio dei defunti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY