ANTICIPO DI SERIE A, L’INTER BATTE LA ROMA ED E’ PRIMA IN CLASSIFICA I nerazzurri si portano a 24 punti davanti alla squadra di Garcia che resta ferma a 23

385

A San Siro la Roma perde contro l’Inter per un gol di Medel. I nerazzurri guadagnano così i tre punti che gli permettono di scavalcare la squadra di Garcia e si portano in testa alla classifica con 24 punti. I giallorossi li seguono fermi a 23. Altra nota dolente per la squadra della capitale è Miralem Pjanic, espulso al 28′ del secondo tempo per doppia ammonizione: sarà costretto a saltare il derby. Il centrocampista giallorosso era stato ammonito nei primi 45 minuti di gioco per proteste, poi nella ripresa per fallo di mano. A segnare la rete della vittoria è stato Medel: “Abbiamo una grande squadra per poter puntare al titolo. Passo dopo passo, credo che con questa squadra potremo fare grandi cose, sicuramente stare tra i primi, se non vincere lo scudetto – dice il giocatore senza nasconde la gioia per la sua prima rete che vale all’Inter il primato in classifica -. Sono molto emozionato per il primo gol, ma l’importante era ottenere la vittoria e l’abbiamo conquistata”.

La replica del tecnico giallorosso è aspra: “Guardo la partita in generale e mi sembra una sconfitta immeritata. Non abbiamo fatto una grande gara ma una buonissima partita si. Ci è mancata cattiveria sotto porta ma se giocheremo così in futuro vinceremo tante partite. Handanovic è stato il migliore in campo questa sera e questo dato vuol dire tutto”.  Garcia passa poi a difende Dzeko dalle continue critiche che giungono da ogni parte della società per la mancanza di gol: “Lui ha bisogno di giocare per ritrovare l’accelerazione sui primi metri e la forma migliore. Non solo lui ma anche gli altri che hanno avuto le occasioni non hanno avuto cattiveria ed efficacia”.

Con le mani agli occhi e una gioia irrefrenabile, Roberto Mancini a fine partita sembra quasi commuoversi per la vittoria della sua Inter. Davanti alle telecamere commenta: “A fine partita avevo le lacrime, ma per la stanchezza. I giocatori sono stati bravissimi, hanno concesso poco. Entrambe le squadre hanno avuto occasioni. I giocatori hanno fatto una grande partita, sono stati bravi a concedere pochissimo alla Roma e ai loro giocatori che sono molto tecnici”. Sul perchè ha lasciato il bomber Icardi in panchina risponde: “E’ una scelta tecnica, non ha detto niente di sbagliato. Non volevamo dare punti di riferimento. Abbiamo dei giocatori così e a volte possiamo giocare in questo modo, altre volte invece avremo bisogno di un centravanti. Handanovic ha fatto quello che deve fare un portiere – sottolinea ai microfoni di Mediaset -, ha parato ed è stato bravissimo. Scudetto? Siamo solo all’undicesima giornata e ci sono 5 squadre in un punto, il campionato è ancora lungo sarà difficilissimo per tutti”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS