DAL 7 NOVEMBRE I “BACI” DI HAYEZ IN MOSTRA ALLE GALLERIE D’ITALIA A MILANO Si tratta della più completa e aggiornata esposizione monografica dell'artista e raccoglie oltre 120 dipinti e affreschi, alcuni dei quali inediti o mai esposti dall'Ottocento in poi

382
hayez

Aprirà al pubblico il prossimo 7 novembre la mostra “Hayez”, curata da Fernando Mazzocca con il coordinamento generale di Gianfranco Brunelli. Le Gallerie d’Italia, nella sede in Piazza Scala a Milano, ospiteranno la più completa e aggiornata esposizione monografica su Francesco Hayez (Venezia 1791 – Milano 1882), che raccoglie in un’unica sede circa 120 dipinti e affreschi dell’artista, alcuni dei quali inediti o mai esposti dall’ottocento in poi. Fra i molti capolavori, per la prima volta vengono messe a confronto le tre versioni de “Il Bacio” , emblema della cultura romantica, una delle quali fu esposta anche all’Esposizione Universale di Parigi del 1867.

L’esposizione è promossa e organizzata da Intesa Sanpaolo nell’ambito di Progetto Cultura, in collaborazione con Pinacoteca di Brera, Accademia di Belle Arti di Brera e Gallerie dell’Accademia di Venezia. Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e del Comune di Milano.

Il percorso espositivo segue una successione cronologica, che rievoca insieme la vita e il percorso creativo del grande pittore: dagli anni della formazione tra Venezia e Roma, ancora nell’ambito del Neoclassicismo, sino all’affermazione, a Milano, come protagonista del movimento Romantico e del Risorgimento accanto a Verdi e Manzoni, con i quali ha contribuito all’unità culturale dell’Italia. La sequenza di opere rivela la grandezza di Hayez nel padroneggiare generi diversi come la pittura storica e il ritratto, la mitologia, la pittura sacra e un ambito allora di gran moda come l’orientalismo, sino a giungere alle composizioni dove trionfa il nudo femminile, declinato in una potente sensualità che lo rende unico nel panorama del Romanticismo italiano e europeo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS