YEMEN, IL PROGRAMMA ALIMENTARE MONDIALE: “GRAVEMENTE PREOCCUPATI PER LA SITUAZIONE A TAIZ” I responsabili dell'agenzia delle Nazioni Unite denunciano la difficoltà di raggiungere la città yemenita per distribuire aiuti umanitari

313
yemen

Il Programma alimentare mondiale (Pam) delle Nazioni Unite è “gravemente preoccupato” per la drammatica situazione sul piano della sicurezza alimentare nella città di Taiz, nel sud dello Yemen, dove l’impossibilità di accesso umanitario ha privato decine di migliaia di persone dell’assistenza alimentare per più di un mese. L’assistenza alimentare del Pam, si legge in una nota dell’agenzia,ha raggiunto Taiz l’ultima volta più di cinque settimane fa attraverso il partner locale del Pam, che ha fornito assistenza alimentare a quasi 240 mila persone colpite dal conflitto nella città.

“Facciamo appello per un accesso sicuro e immediato alla città di Taiz al fine di evitare una tragedia umanitaria, ora che le scorte sono in esaurimento, minacciando le vite di migliaia di persone, tra cui donne, bambini e anziani”, ha detto Muhannad Hadi, direttore regionale del Pam per il Medio Oriente, il Nord Africa, l’Europa orientale e l’Asia centrale. “Queste persone hanno già sofferto la fame estrema e se questa situazione continuerà, i danni arrecati per effetto della fame saranno irreversibili”, ha aggiunto. Un rapporto pubblicato nel mese di giugno ha classificato Taiz e altri nove dei 22 governatorati dello Yemen al livello di emergenza dell’insicurezza alimentare, a un passo dalla carestia su una scala internazionale da uno a cinque.

Il recente deterioramento della situazione di sicurezza a Taiz ha avuto un grave impatto sulla disponibilità e sui prezzi del cibo e del carburante. Secondo il sistema di monitoraggio di mercato del Pam per lo Yemen, relativo alla prima metà di ottobre, si è registrata una penuria di alimenti essenziali e carburante nei governatorati dove le violenze hanno conosciuto un’escalation nelle ultime settimane. Il rapporto ha rilevato che Taiz è stata l’area più gravemente colpita dello Yemen, con l’aumento prezzo del diesel del 500 per cento rispetto ai livelli pre-crisi e il raddoppio del prezzo della farina di frumento.

Dall’inizio del conflitto quest’anno, il Pam ha superato enormi difficoltà per raggiungere ogni mese una media di un milione di persone vulnerabili in Yemen. A settembre e ottobre, il Pam ha esteso il suo raggio d’azione, fornendo assistenza alimentare a oltre due milioni di persone in ciascun mese. Dalla fine di marzo, le violenze hanno aggravato la già scarsa sicurezza alimentare dello Yemen, aggiungendo in meno di un anno oltre tre milioni di persone alle fila di coloro che già soffrivano gravemente la fame. Secondo stime recenti, 7,6 milioni di persone soffrono l’insicurezza alimentare estrema, un livello di bisogno che rende urgente l’assistenza alimentare esterna.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS