PAROLIN: “SULLA BASE DEL SINODO IL PAPA SCRIVERÀ UN’ESORTAZIONE APOSTOLICA” Il Segretario di Stato ha confermato la stesura di un documento papale come è di tradizione nell'Assemblea Sinodale

399

Dopo la conclusione del Sinodo sulla famiglia, era incerto il volere del Papa sulla promulgazione di un documento che raccogliesse le voci dell’Assemblea. Finalmente è arrivata la risposta: Bergoglio scriverà un’esortazione apostolica sulla famiglia sulla base delle conclusioni dei Padri Sinodali. A dirlo è il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano, che sulla tempistica ha aggiunto: “Questo non lo so, ma comunque non credo che tarderà molto. D’altronde il ferro si batte finché è caldo”. Il porporato da l’annuncio a margine di un incontro tenuto all’Università Gregoriana: “Sarà del tipo dell’esortazione apostolica, com’è nella tradizione del Sinodo. Del resto, come si legge alla fine nella relazione conclusiva – ha aggiunto -, i vescovi offrono materiale al Papa, chiedendo un documento se lo ritiene opportuno”.

Nell’incontro con gli studenti dell’Università Pontificia, il cardinale ha rassicurato tutti i presenti sulla salute del Pontefice e sulla sicurezza del suo imminente viaggio in Africa: “Non credo che abbia paura, se ce l’avesse non ci andrebbe. E invece il Papa va dappertutto”. E’ stato proprio Bergoglio a volere la tappa “nella situazione di conflitto della Repubblica centrafricana” per incoraggiare la pace e per questo “è pronto ad affrontare anche eventuali rischi”.
“La preoccupazione c’è – ha spiegato il segretario di Stato – ma immagino che se il Santo Padre va, ci sono anche le condizioni affinché possa andare”. Parolin ha spiegato che Francesco trova il coraggio “nella sua fede e nel suo amore per la gente. Anzi ha voluto che questo viaggio in Africa fosse caratterizzato dalla visita alla Repubblica Centrafricana per la situazione di conflitto in cui si trova perché pensa che andare li’ e dire una parola ai cristiani ma anche a tutte le parti coinvolte possa essere un contributo grande per la costruzione della pace. Quindi – ha concluso – è pronto ad affrontare anche eventuali rischi”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS