ATTENTATO AL MUSEO DEL BARDO, LA CORTE D’APPELLO: “TOUIL NON VERRA’ ESTRADATO” Il tunisino era stato arrestato lo scorso 19 maggio su richiesta delle autorità di Tunisi

264

Abdel Majid Touil, il giovane tunisino arrestato in Italia lo scorso 19  maggio e accusato di essere uno dei principali responsabili dell’attentato al Museo del Bardo, non verrà estrado in Tunisia ma, con il provvedimento preso dai Giudici della corte di Appello di Milano, la sua custodia cautelare verrà revocata e il giovane tornerà in libertà. In un comunicato stampa il presidente della Corte d’Appello Giovanni Canzio spiega che la decisione è dovuta al fatto che “la pena capitale”, in vigore in Tunisia è ostativa all’estradizione”. Nel comunicato stampa, si legge che la quinta sezione penale della Corte d’appello di Milano, “su conforme requisitoria del procuratore generale, ha negato l’estradizione verso la Tunisia di Abdel Majid Touil, accusato di essere coinvolto nell’attentato al museo del Bardo di Tunisi avvenuto il 18 marzo 2015”.

“I fatti più gravi contestati a Touil – viene spiegato nella nota – sono puniti dal codice penale tunisino con la pena di morte. La pena capitale è ostativa all’estradizione, non essendo ammessa nell’ordinamento italiano (Costituzione, articolo 27, quarto comma). D’altra parte la convenzione bilaterale di estradizione Italia-Tunisia non prevede alcun meccanismo di conversione della pena di morte in altra sanzione detentiva. Né l’autorità tunisina ha fornito alcuna assicurazione sulla non esecuzione della pena capitale. Al diniego di estradizione consegue automaticamente la revoca delle misure cautelari e la scarcerazione dell’estradando”.

Abdel Majid Touil, marocchino, era stato arrestato in provincia di Milano il 19 maggio su richiesta delle autorità tunisine per l’attentato al Museo del Bardo, nel quale sono morte 24 persone, tra le quali quattro turisti italiani. Nell’udienza di lunedì, Touil era presente in aula, seduto nella gabbia riservata ai detenuti, ed ha preso la parola per fare una breve dichiarazione: “Sono innocente – ha detto ai giudici – sono estraneo ai fatti, io queste cose non le ho mai fatte, non so chi le ha fatte e confido di non essere estradato”. La Procura generale nelle settimane scorse aveva depositato la requisitoria, chiedendo alla Corte d’appello di non estradare Touil perche’ nel Paese nordafricano il reato di strage viene punito con la pena di morte. Touil e’ indagato anche in Italia dalla Procura di Milano per terrorismo internazionale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS