VALANGA DI RICORSI CONTRO L’ITALICUM, RENZI: “DA’ PIU’ CERTEZZE E STABILITA'” L'iniziativa di "Democrazia costituzionale" prenderà il via a fine ottobre. Il premier: "Nel mondo di oggi servono regole efficaci"

362
italicum

Nemmeno è entrato in vigore e l’Italicum deve già fronteggiare una valanga di ricorsi. A varare l’iniziativa che partirà ufficialmente con la raccolta adesioni il prossimo 29 ottobre, il coordinamento Democrazia costituzionale, a cui aderiscono, come si legge sul sito dello stesso coordinamento, giuristi, comitati cittadini e associazioni.

Il 29 alla Camera, inizierà la campagna di raccolta di adesioni e “tra il 2 e il 6 novembre – spiegano dal coordinamento – saranno presentati ricorsi contro l’Italicum in tutti i tribunali dei distretti delle Corti d’appello”. Al centro delle critiche, in particolare, il premio di maggioranza “che consente a un partito di trasformare una minoranza in una maggioranza schiacciante” e il ballottaggio, entrambi pilastri fondamentali della nuova legge elettorale.

Per tutta risposta Matteo Renzi è tornato a difendere l’Italicum. “Il mio governo è il 63esimo in 70 anni di storia repubblicana – ha spiegato il premier dal Business Forum di Lima, in Perù -. Ora abbiamo fatto una riforma della legge elettorale e stiamo concludendo una riforma della Costituzione proprio per dare più certezze e stabilità”. Il mondo, ha sottolineato, “sta cambiando a velocità impressionante e tutti i paesi devono fare sforzi per cambiare: tutti i paesi hanno il dovere di darsi regole più efficaci perché gli imprenditori in particolare sanno che la certezza delle regole del gioco è una precondizione per lo sviluppo”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS