SVALIGIANO UNA GALLERIA D’ARTE MA SI SCORDANO IL CELLULARE Il furto è avvenuto durante una mostra d'arte a Palm Beach, Florida

415

Arsenio Lupin, l’inafferrabile ladro gentiluomo nato dalla penna di Maurice Leblanc nel 1905, non è stato di esempio a due adolescenti americani che, nel loro goffo tentativo di furto, hanno lasciato scritto il proprio numero cellulare. A raccontare l’assurda vicenda è il Sun Sentinel, un rotocalco statunitense. La 24enne Megan e il 19enne David sono entrati, fingendosi semplici visitatori, in una mostra d’arte a Palm Beach, in Florida. Mescolati tra gli ospiti e attorniati da opere d’arte di grande valore, come nei romanzi gialli hanno allungato furtivamente una mano e arraffato due gioielli degli artisti presenti, un braccialetto e un anello, del ragguardevole valore di oltre 5mila euro.

Prima di andarsene indisturbati con la refurtiva, il giovane “Arsenio” e la sua dolce compagna non hanno resistito alla tentazione di firmare il libro degli ospiti aggiungendoci anche il proprio numero di cellulare. A qual punto per lo Zenigata della situazione rintracciare i colpevoli è stato semplicissimo. Alla polizia di Palm Beach è bastato infatti cercare l’intestatario del numero di cellulare, lasciato gentilmente in bella vista sul libro degli ospiti della Galleria d’arte, per arrivare alla coppia di ladruncoli e recuperare la refurtiva. “Se avessimo saputo che quei gioielli costavano così tanto non li avremmo portati via” hanno commentato i due adolescenti ai poliziotti mentre venivano accompagnati al penitenziario locale. Per fortuna che, ai tempi di Lupin – quello originale – il cellulare non fosse stato ancora inventato.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS