USANO UN PUPAZZO PER SALTARE LA FILA AD EXPO L'inganno è stato scoperto dai ragazzi della sicurezza all'entrata

387

Expo Milano, la grande esposizione universale sull’alimentazione che chiuderà i battenti a fine ottobre, verrà ricordata per numerosi motivi. Rimarranno infatti nella storia le cifre da record di visitatori, le migliaia di prelibatezze culinarie provenienti dal mondo, gli incontri culturali e artistici collaterali e … i furbetti. Il premio per il miglior tentativo – non riuscito – di tagliare le interminabili code ai cancelli di entrata andrà certamente all’inventore del “bambolotto salta fila”. L’ingegnoso (o ingegnosa, l’anonimato è d’obbligo) visitatore, contando sul fatto che anziani, donne incinta e mamme con bambini piccoli nel passeggino vengono esentati dal dover fare la fila e fatti passare per un ingresso laterale, ha messo un pupo in un passeggino e lo ha corredato di yogurt, acqua, biscottini per la merenda e di un bel kee-way in caso di pioggia.

Peccato che questo bimbo in particolare fosse un bambolotto. Non in senso metaforico, tanto per dire che si trattava di un bel bambino paffutello, ma proprio di una bambola in plastica tipo “Ciccio bello”. Purtroppo per l’infingardo, la security ha scoperto l’inganno e ha rispedito il furbacchione in fondo alla fila. Quella più lunga. Inoltre, la foto alla piccola opera d’arte è stata scattata e condivisa su Facebook dai lavoratori del sito – nel gruppo “Inside Expo” – come avviso di porre particolarmente attenzione al “contenuto” dei passeggini. Ciccio bello rimarrà così, insieme a cucine e Vip, in “eterna memoria” dell’Expo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS