BABY SQUILLO AI PARIOLI, MAURO FLORIANI PATTEGGIA PER PROSTITUZIONE MINORILE L'uomo dovrà scontare un anno di reclusione e pagare una multa di 1.800 euro

440
baby squillo

Un anno di reclusione e una multa di 1.800 euro per prostituzione minorile. E’ quanto ha patteggiato Mauro Floriani, il marito di Alessandra Mussolini coinvolto nell’inchiesta su un giro di baby squillo a roma nel quartiere Parioli. A pronunciare la condanna è stato il gup Riccardo Amoroso, che ha ccolto la richiesta di patteggiamento presentata dai legali di Floriani, dopo che era stata concordata con la Procura della Repubblica alla conclusione delle indagini sui clienti delle ragazze.

Floriani, un ex capitano della Guardia di Finanza, nel marzo del 2014 si è presentato spontaneamente ai magistrati. In un primo momento il marito della Mussolini aveva negato qualsiasi tipo di coinvolgimento con il giro di prostituzione minorile, ma tra i numeri intercettati c’era anche il suo e la Procura aveva definito le prove “incontrovertibili”. In un secondo momento Floriani ha ammesso gli incontri con le ragazze, Ha spiegato di aver trovato il loro numero attraverso il sito “bakecaincontri”. Ha dichiarato di aver chiamato un paio di volte, credendo che le ragazze fossero maggiorenni, in quanto il sito riportava che la loro età fosse di 19 anni.

L’inchiesta, venuta alla luce alla fine del 2013, ha portato alla scoperta di due ragazzine – studentesse di un liceo romano – che si prostituivano in un appartamento ai Parioli. Tra le persone finite in manette per il giro di prostituzione anche la madre di una delle due adolescenti che, oltre a essere informata dei fatti, prendeva anche una percentuale sugli incassi e spingeva la figlia a non frequentare le lezioni per avere più tempo per prostituirsi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS