MESSICO, ARRESTATI IL COGNATO E IL PILOTA CHE AIUTARONO EL CHAPO AD EVADERE L'operazione della polizia ha fatto scattare le manette anche per altre quattro complici del leader del cartello Sinaloa

279
el chapo

Si stringe il cerchio intorno a “El Chapo”, leader del narcotraffico messicano evaso lo scorso 11 luglio. Le autorità del Messico hanno arrestato il pilota del bimotore con cui Joaquin Guzman fu portato lontano dal luogo dell’evasione e altre cinque persone. Si tratta di uno “dei piloti storici dell’organizzazione criminale guidata da Guzman Loera, che oltre alla fuga del leader del cartello Sinaloa”, ha partecipato al trasporto della droga, ha dichiarato il procuratore generale Arely Gomez. Tra le persone fermate figura anche il cognato di El Chapo, che avrebbe curato la costruzione del tunnel attraverso il quale il narcotrafficante è fuggito dal carcere di massima sicurezza dove era detenuto.

L’arresto di Guzman nel febbraio del 2014 ha rappresentato l’apoteosi dei successi alla lotta contro il narcotraffico per il presidente Enrique Peña Nieto, in carica dal dicembre 2012. La parte iniziale del suo mandato infatti era stata caratterizzata dai successi contro il traffico della droga. In un’operazione dello scorso 17 ottobre, nelle zone montuose del nord-ovest del Paese, il leader del cartello Sinaloa è rimasto fuggito al volto e ad una gamba mentre cercava di fuggire dalla polizia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS