INDIA, BRUCIATI VIVI DUE BAMBINI “INTOCCABILI” Degli appartenenti ad una casta superiore hanno appiccato il fuoco alla casa come vendetta a causa di un vecchia faida

450

Violente proteste nel distretto di Faridabad, nello stato indiano dell’Haryana, a seguito della brutale morte di due bambini “dalit” (intoccabili) uccisi in un incendio appiccato da alcuni appartenenti ad una casta superiore alla loro casa nel villaggio di Sunped, alla periferia di Nuova Delhi. Le vittime, riferiscono i media indiani, avevano due anni e nove mesi. Stavano dormendo nella loro abitazione insieme ai genitori quando gli alcuni membri della comunità Rajput hanno cosparso l’edificio di benzina e appiccato il fuoco. “Ho cercato di svegliare mia moglie, ma a quel punto l’incendio era già iniziato. I miei figli sono morti nel rogo”, ha detto il padre dei due bambini, identificato come Jitender, alla Press Trust of India.

I genitori dei piccoli sono rimasti feriti nell’incendio e la madre è stata ricoverata in condizioni critiche con ustioni sul 70% del corpo. L’incidente ha sollevato la rabbia dei residenti che hanno bloccato una strada con un sit-in di protesta, chiedendo provvedimenti contro i colpevoli. Tre persone sono state arrestate e la polizia ha detto che sta cercando altri nove sospetti. Otto poliziotti sono invece stati sospesi per negligenza. Secondo le autorità si tratta di una vendetta della comunità di Rajput nei confronti dell’uomo, a causa di una vecchia faida. “Mi avevano minacciato che avrebbero rovinato la mia famiglia, che avrebbero ucciso i miei figli. E ora mi hanno portato via tutto”, ha detto Jitender sconvolto.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS