LA MEDUSA IMMORTALE E I SETTE ANIMALI PIU’ LONGEVI La creatura trasparente del mare sembra aver scoperto l’immortalità: passa dallo stadio adulto a quello di polipo immaturo, in un ciclo ininterrotto di nascite e rinascite, di vita che si rigenera all’infinito in uno stesso essere vivente

607
medusa

Soltanto un anno fa, i giornali indiani divulgavano la notizia, confermata dalle autorità locali, che l’uomo più longevo al mondo sia Mahashta Murasi, oggi 180 anni. La Bibbia racconta di Matusalemme, settimo discendente di Adamo nella linea di Set, vissuto quasi 970 anni. Non fu il solo a raggiungere il millennio, secondo quanto leggiamo nel Libro Sacro. Anche il nostro primo antenato e Noè oltrepassarono i 900 anni d’età. Tuttavia, da millenni, ormai, l’età mortale si è abbassata fino a non superare in media i 70 anni. E benché le aspettative di vita si siano prolungate negli ultimi cento anni, si contano ancora come casi esclusivi, che assurgono agli onori della storia, e non soltanto della cronaca, i fortunati centenari.

Ci sono, invece, in natura creature che vivono normalmente centinaia di anni. Piante, come i millenari baobab. E anche animali. I più longevi al mondo sono sette. Il più “antico” è il tuatara, un vertebrato di terra che somiglia a un piccolo dinosauro, le cui origini risalgono a 200milioni di anni fa, che vive mediamente un secolo. Arrivano tranquillamente ai 200 anni d’età le tartarughe. Nel 2006, è morta d’infarto, a 176 anni, Harriet, membro della comunità delle isole Galapagos studiate da Darwin. La balena è il mammifero più longevo. Sono state avvistate esemplari sfuggite ai balenieri oltre 200 anni fa, con le lance conficcate nel corpo. La vongola islandese vive quasi mezzo millennio. Il koi, una varietà di carpa comune, supera i due secoli, come i vermi tubolari che vivono sul fondo dell’oceano. E poi, c’è la meravigliosa “turritopsis medusa nutricula”, la creatura trasparente del mare che ha scoperto l’immortalità: passa dallo stadio adulto a quello di polipo immaturo, in un ciclo ininterrotto di nascite e rinascite, di vita che si rigenera all’infinito in uno stesso essere vivente.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS