I MEDIA SCRIVONO: “FRANCESCO HA UN TUMORE”. PADRE LOMBARDI: “NOTIZIA INFONDATA” Il giallo sulla salute del Pontefice è esploso nella notte, dopo che il Quotidiano Nazionale ha pubblicato un articolo in prima pagina rivelando la presunta patologia che avrebbe colpito Bergoglio

373
  • English
papa

Papa Francesco avrebbe un tumore al cervello, “una piccola macchia scura”, ma non sarebbe necessario un intervento chirurgico per poterlo curare. E’ la notizia di apertura di questa mattina del Quotidiano Nazionale e che in breve tempo è rimbalzata su tutti i media e le testate giornalistiche. Secondo il giornalista, qualche mese fa, un elicottero con le insegne giallo-bianche sulla fiancata, sarebbe atterrato nel piazzale dell’elisoccorso della Casa di Cura San Rossore, in Toscana, per prelevare il professore Takanori Fukushima – conosciuto a livello mondiale per la sua ricerca e il trattamento dei tumori al cervello, aneurismi e neuralgie trigeminali – alcuni operatori della sua equipe. Ovviamente nessuna conferma arriva dalla clinica, dove il personale mantiene il più assoluto riserbo, anche se un’infermiera – citata dal Quotidiano Nazionale, riferisce di aver visto gli esami e di “aver acceso un cero alla Madonna nella cappella della casa di cura”.

“La diffusione di notizie infondate è gravemente irresponsabile e non è degna di attenzione. Il Papa sta svolgendo come sempre la sua attività intensissima”. E’ quanto ha dichiarato il portavoce vaticano, Padre Federico Lombardi, smentendo così la notizia della malattia del Pontefice.

Non è mancata la replica del direttore del giornale Andrea Cangini: “La smentita è comprensibile ed era attesa, abbiamo a lungo tenuto ferma la notizia per fare tutte le verifiche del caso, non abbiamo il minimo dubbio sulla sua fondatezza”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS