Il NEO PREMIER TRUDEAU A OBAMA: “IL CANADA RITIRERA’ I CACCIA DA IRAQ E SIRIA” Il giovane leader Liberal vuole mantenere le promesse elettorali sull’impegno canadese contro il terrorismo

371

Prima dichiarazione di natura internazionale del neo premier canadese, Justin Trudeau. Il giovane leader Liberal ha infatti comunicato al presidente statunitense Barack Obama che manterrà la promessa elettorale di ritirare i cacciabombardieri canadesi che operano contro l’Isis in Iraq e in Siria. Nel corso della sua prima conferenza stampa, dopo la schiacciante vittoria alle elezioni legislative di lunedì, Trudeau ha rivelato il contenuto di una telefonata in cui il presidente Usa è stato messo al corrente della decisione. “Abbiamo discusso del mantenimento di un impegno canadese come membro forte della coalizione contro l’Isis e ho detto che continueremo a essere presenti in un modo responsabile che tenga conto dell’importanza della partecipazione canadese alla lotta contro l’Isis” ha spiegato agli organi di stampa il premier.

Trudeau non ha comunque indicato un calendario entro il quale intende modificare le caratteristiche dell’impegno canadese in medio oriente che dovrà passare da “missione di combattimento” a “umanitaria e di addestramento”. Il primo ministro designato ha tuttavia sottolineato che “Obama ha comunque capito gli impegni che avevo preso nel corso della campagna elettorale sull’arresto di questa missione”. Attualmente, Ottawa impegna nella regione sei caccia F-18, due aerei di sorveglianza Aurora, un velivolo per il rifornimento in volo, due aerei di trasporto truppe e 600 uomini impegnati nella logistica, oltre a una settantina di addestratori. Trudeau ha inoltre avuto conversazioni con i leader di Gran Bretagna, Italia e Messico.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS