AL CREMLINO VERTICE PUTIN-ASSAD SULLA SIRIA I due hanno discusso della campagna militare congiunta contro l’Isis

309
putin

Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato martedì sera a Mosca il leader siriano Bashar al Assad per discutere della situazione in Siria. La notizia, diffusa dalla Bbc, arriva direttamente dal Cremlino. “Il presidente della Repubblica araba siriana, Bashar Assad, è venuto a Mosca per una visita di lavoro e ha avuto colloqui con il presidente russo, Vladimir Putin”, ha dichiarato alla stampa il portavoce Dmitry Peskov spiegando che i due hanno discusso della campagna militare congiunta contro lo Stato islamico. “Ieri sera il presidente della repubblica siriana Bashar al Assad era in visita di lavoro a Mosca” ha aggiunto Peskov senza precisare se Assad si trovi ancora nella capitale russa o sia ripartito alla volta di Damasco. Il colloquio è stato “lungo ed esaustivo”, ha concluso il portavoce del Cremlino. A Putin, Assad avrebbe evidenziato la necessità di “affiancare alle operazioni militari una soluzione politica della crisi in Siria”. Questo in Russia è il primo viaggio all’estero del presidente siriano dal 2011.

In queste ore ha fatto scalpore la proposta – poi risultata essere solo una farsa – fatta dall’Arabia Saudita di donare 300 miliardi di dollari a Putin per rovesciare il regime di Assad. L’iniziativa sarebbe stata portata avanti dal ministro della Difesa saudita Mohammad bin Salman in un incontro segreto a Mosca. La notizia, che non ha avuto eco in Occidente, ha suscitato clamore nel Medio Oriente e principalmente in Russia, con gli organi di stampa ufficiali del governo costretti a smentire l’incontro a titoli cubitali. Poche ore fa, anche Dmitry Peskov ha definito l’episodio come una colossale montatura senza nulla di fondato.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS