SCAFISTI LIBICI FANNO FUOCO SULLA GUARDIA COSTIERA PER RIPRENDERE UN BARCONE Sale la tensione nel Mediterraneo dove ieri le operazioni di soccorso in mare sono state interrotte da un attacco di trafficanti della Libia

201
guardia costiera

Il fenomeno degli immigrati che ogni giorno arrivano sulle nostre coste è ormai una realtà consolidata e in continua crescita. La Guardia Costiera Italiana è quotidianamente impegnata nel salvataggio di barconi affollati nel tratto di Mediterraneo che separa la Libia dallo Stivale, e che nell’ultimo anno si è trasformato in una vera trappola mortale per molti profughi.

Proprio ieri però, è successo qualcosa che non era mai accaduto: un guardacoste italiano stava terminando una operazione di soccorso con il trasbordo di migranti da un barcone. A un certo punto si è avvicinata una motovedetta libica che ha aperto il fuoco e si è impossessata del barcone facendo poi rotta verso le coste libiche. Il mezzo della Marina ha iniziato un inseguimento nel Mediterraneo senza però scoprire se appartenesse agli islamisti di Tripoli o di Tobruk. L’unica certezza è che ad aprire il fuoco sia stato qualche trafficante di “merce umana” che non ha gradito il salvataggio degli immigrati.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS