Magistrati, una riforma sbagliata

440
responsabilità civile giudici

carbone1-150x150Questa riforma sulla responsabilità civile dei magistrati non va. E non per aspetti corporativi, come si vuol far credere, ma per motivi che attengono direttamente all’esercizio della Giustizia nel nostro Paese. Il messaggio che viene fatto passare è quello che si vuole rimediare così ai tanti errori commessi dai giudici, considerati il male della giustizia italiana. Anche lo slogan che ha accompagnato l’iter della discussione legislativa – “Chi sbaglia paga” – è fuorviante, come se si fosse in presenza di un corpo della magistratura totalmente irresponsabile.

Forse andava considerato che dal 1988 con la legge Vassalli esistono già diversi piani di responsabilità dei giudici, quello disciplinare, quello contabile e anche quello penale. Noi magistrati non abbiamo certe tutele che la politica invece conserva, e questo è bene ricordarlo.

Questa appena varata è una riforma punitiva che elimina quel filtro di ammissibilità, previsto proprio dalla legge Vassalli, che serviva per mettere al riparo i giudici da azioni strumentali e intimidatorie; così invece si mostra il fianco a chi, avendo ricevuto decisioni sfavorevoli in giudizio, ora può in qualche modo “reagire” creando così quel meccanismo intimidatorio che invece andava assolutamente evitato. Non solo, ma questa decisione è in evidente controtendenza con la strada già intrapresa sia nel settore penale che in quello civile verso una disincentivazione delle cause in tribunale. E’ del tutto evidente che questo meccanismo porterà ad un aumento dei carichi di lavoro per i Tribunali che, per ogni causa, potrebbero trovarsi con un’altra causa collegata.

Curioso che la politica su questo tema si sia ricompattata lasciando invece indietro altri argomenti fondamentali quali la prescrizione dei reati o la lotta alla corruzione, settori nei quali da tempo si chiede – inutilmente – un intervento legislativo per permettere ai magistrati di utilizzare strumenti per essere più incisivi nel controllo. Infine una considerazione sulle parole del ministro che ha definito “una rivoluzione” e una “svolta storica” questa legge; dal nostro punto di vista parleremo con una tale enfasi quando avremo una Giustizia con risposte serie e concrete sulla lunghezza dei processi e sulla certezza della pena. Che sono forse le cose che interessano veramente ai cittadini.

Maurizio Carbone

Segretario dell’Associazione Nazionale Magistrati (Anm)

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS